LA CROMOTERAPIA

 

 

La macchina per la cromo terapia (foto sopra)

info: a.rao@wooow.it

   

La cromoterapia è una pratica terapeutica che si è sviluppata  attraverso i secoli passando da una fase empirica  ad una sempre più scientifica. Nell’età aurea della Grecia e in Egitto si praticava già la medicina del colore.

I cinesi curavano i malati ponendoli in camere dove filtrava la luce del colore prescelto oppure  avvolgendoli in tessuti colorati.

Lo studio dei colori e delle loro proprietà terapeutiche non è una scoperta ma una riscoperta.

Il principale ricercatore sulla terapia del colore è stato e rimane il dottor Dinshah  P. Ghandiali il quale concluse molte ricerche e sperimentazioni.

Egli scopri l’influenza esercitata da alcuni colori su determinate ghiandole e la battezzò “Terapia spettrocromatica”.

Le onde dello spettro visibile, applicate al corpo umano, sono tutte potenti strumenti terapeutici che non comportano effetti collaterali sgradevoli.

Fosse anche solo per procurare sollievo, la cromoterapia è inestimabile; il colore applicato ad una determinata zona dà sollievo a quel’area particolare; la terapia funziona precisamente sull’organo dove viene diretta e i risultati sono cosi considerevoli da meritare una fiducia unica rispetto agli altri metodi di cura.

Curando gli organi, riattivando le funzioni delle ghiandole endocrine e stimolando il sistema linfatico per ottenere un miglior drenaggio, vengono espulsi dal corpo tessuti in decomposizione e batteri, non solo in caso di infezioni acute ma anche di stati cronici. Si ottiene anche una eliminazione delle sostanze tossiche che impediscono le normali funzioni dei vari organi e ciò permette all’organismo di poter  affrontare eventuali disturbi con maggiore efficacia.

La cromoterapia può essere applicata in modo universale a tutti i mali che affliggono il corpo umano. Il dottor Brunler di Londra dice che quando si parla di colore si parla di “onde di energia”.

Tutti i colori nella parte rossa dello spettro sono più o meno stimolanti mentre quelli nella parte blu hanno un effetto più o meno rilassante. Un ambiente di colore rosso può essere vantaggioso a soggetti anemici, rachitici, privi di energia o molto dimagriti.

Un ambiente blu , verde o indaco può essere benefico per individui obesi, linfatici, ipertesi o con artrite reumatoide. Questi colori sono anche in grado di attivare la digestione e mantenere il fisico in perfetto equilibrio  psichico. Un ambiente color arancio è consigliabile a tipi troppo calmi ed indolenti; per lottare contro l’insonnia è raccomandabile un ambiente color violetto.

 

  Il colore è anche una forma di nutrimento. Gli elementi chimici che concorrono alla formazione delle radiazioni solari, mediante la spettroscopia, vengono assimilati dal corpo sia attraverso gli alimenti e sia attraverso la luce stessa. Questi elementi chimici sono: sodio, calcio, bario, magnesio, ferro, cromo, nikel, rame, zinco, stronzio, cadmio, cobalto, manganese, alluminio, titanio, rubidio ed inoltre, ossigeno, idrogeno, azoto e carbonio.

La cromoterapia ha la capacità di agire su tutta la rete capillare , di rafforzare la sua attività e di aumentare, in conseguenza, il potenziale vitale di ogni cellula.

E’ tutto ciò attraverso un metodo fisiologico e non medicamentoso. Tutto qui il segreto dell’universalità terapeutica della cromoterapia.

Il modo migliore di utilizzare la cromoterapia è stare al sole per brevi periodi, quando più nudi è possibile. Poiché il sole contiene l’intero spettro cromatico, si suppone che il corpo estrarrà i colori di cui ha bisogno, respingendo gli altri.

Se il sole non è disponibile, si possono adottare altri metodi, alcuni dei quali antichissimi perché la cromoterapia è antica come antica è la storia delle malattie.

L’apparecchio per la cura con i colori mette insieme tutte le esperienze raccolte nei secoli. Il paziente che riceve la terapia può stare seduto o disteso, il più scoperto possibile. La stanza deve essere calda e scura. Si irradia il colore sul’area malata, in genere cominciando dai piedi. Il trattamento eseguito due ore dopo o tre ore prima dei pasti e deve durare, a seconda delle necessità individuali, da pochi minuti ad una ora .

                     

UTILIZZAZIONI DEI COLORI

 

Colore rosso

 

Il rosso è chiamato “ il grande attivatore energetico” perché stimola ed ha il potere di decongestionare.

L’applicazione del colore rosso si può estendere a tutto il corpo, a partire dalla pianta del piede, oppure su zone localizzate. L’applicazione viene sempre terminata con un fascio di luce verde o blu per controbilanciare eventuali effetti fisiologici o psicologici non desiderati.

Il fascio di luce rossa arreca benefici a qualsiasi parte del corpo che necessiti di stimolazioni. Sulla pianta del piede migliora la circolazione sanguigna, attorno all’ombelico e all’inguine stimola l’intestino pigro. I reumatismi, che sono causati da accumuli di scorie, tra cui l’acido urico, trovano immenso beneficio dai bagni di luce rossa che riesce a dissolvere nelle articolazioni tutti quei cristalli che i reni non sono riusciti ad eliminare.

  In casi di raffreddore si usi una sciarpa rossa intorno al collo. I bambini deboli vengano circondati dal colore rosso.

Tuttavia il rosso è nocivo negli stati infiammatori acuti o quando nel corpo c’è già molto rosso ( faccia arrossata, febbre, capelli rossi, ecc.) oppure in presenza di ipertensione.

Non bisogna mai usare i raggi infrarossi

 

Colore rosa

 

Il rosa è il colore che rende giovani. E’ considerato il colore con proprietà guaritrici universali, in grado di elevare le vibrazioni del corpo. Il rosa attiva la ghiandola timo. Tuttavia il rosa deve essere evitato da persone emotive o molto eccitabili. Chi soffre d’insonnia non dovrebbe mai usare coperte rosa ma solo di colore azzurro.

  

Colore scarlatto

 

Il colore scarlatto è usato per stimolare il cervello, le arterie e i reni. Riduce le infiammazioni ed ha effetti terapeutici su tutto il corpo.

Psicologicamente lo scarlatto rappresenta il coraggio.

 

Colore arancione

 

L’arancione è il colore che assume il calcio allo spettroscopio e ciò spiega  perchè tale colore sia tanto benefico in tutte le forme da deficienza di calcio tanto da essere considerato un antirachitico.

Questo colore iuta a recuperare l’entusiasmo e la vitalità. Proiettando un raggio di luce arancione nella fossetta sita al disopra del bordo sternale, si ottiene in pochi minuti una carica di energia e, nello stesso modo,  si risolve un attacco d’asma.  

 

Colore giallo

 

Il giallo è uno stimolante del sistema motorio ( dei muscoli ) ed un coadiuvante nella formazione del tessuto nervoso.

Il giallo può risultare eccitante in stati nervosi come l’insonnia, la diarrea o il delirio; stimola invece l’intelletto se è di una tonalità chiara e pura.. Chi soffre di confusione mentale dovrebbe provare a scrivere su un foglio di carta giallo chiaro.

Il giallo è indicato per i soggetti pletorici, ipertesi e sanguigni.

 

Colore verde

 

Il verde influisce sull’intero organismo ed è particolarmente benefico per il sistema nervoso simpatico; restaura tutte le funzioni del corpo e le riequilibra; stimola la ghiandola pituitaria ( che a sua volta stimola le altre ghiandole ); elimina germi, virus e sostanze tossiche comprese quelle presenti nelle ferite.

Nella cromoterapia, quando non si sa bene quale colore usare, usando il verde non si sbaglia mai.

Le persone affaticate da giornate stressanti possono trovare un ristoro sedendo, per circa un’ora, sotto una luce verde.

 

Colore turchese

 

Il turchese è composta dal blu e dal verde. E’ un colore con proprietà rinfrancanti e calmanti, in grado di far passare mal di testa e gonfiori. Aiuta la riformazione della pelle e, quindi, la cicatrizzazione delle ferite.

Il turchese non solo protegge la pelle dalle scottature e dai pruriti, ma la rende notevolmente più bella.

 

 

 

Colore blu

 

Il raggio blu è uno degli antisettici più potenti al mondo. La sua luce è rinfrescante, soporifera, addolcente, rilassante. Reca una grande calma e una vera pace là dove esiste un costante stato di tensione. Il colore blu filtrato da speciali vetri abbassa la febbre, riduce i dolori di testa martellanti, i dolori acuti di reumatismi e disturbi femminili.

In pediatria la luce blu ( non ultravioletta ) è l’arma più potente per combattere l’itterizia dei neonati causata da accumulo di bilirubina. Prima della scoperta - del tutto casuale - dell’azione del fascio di luce blu, nei casi di itterizia neonatale, si doveva procedere alla trasfusione totale del sangue. Oggi la  luce blu proiettata sulla culla, penetrando nell’epidermide, provoca la scomposizione della bilirubina nei vasi sanguigni ed in tal modo la necessità della trasfusione è stata eliminata.

Il blu non si addice nei salotti perché fa languire la conversazione.

Le persone anziane dovrebbero alloggiare in camere dipinte d’azzurro; chi soffre di ipertensione dovrebbe indossare pigiami blu. Anche i vetri azzurri aiutano a rilassarsi durante il giorno.

 

Colore indaco

 

L’indaco è una combinazione di blu scuro e viola. E’ un purificatore del sistema circolatorio ( sangue compreso ) ed anche un purificatore mentale. E’ utile per le infiammazioni agli occhi, per le malattie dell’orecchio e dell’udito. Proiettando un raggio di colore indaco nell’orecchio di chi soffre di acufeni ( ronzii o suoni auricolari ), si riesce a debellare la patologia.

Nelle febbri connesse con disfunzioni del sistema linfatico lo si irradia sull’inguine e sotto le ascelle. L’indaco è un colore potente e va usato con parsimonia  

 

Colore viola

 

Questo colore, nella tinta delle viole di Parma, è decongestionante  per tutto il corpo ed è salutare anche per le ghiandole surrenali. Stimola la milza e la formazione dei globuli bianchi, regola la pressione dei vasi sanguigni, aiuta a mantenere nel corpo l’equilibrio tra sodio e potassio, modera l’appetito di chi dovrebbe perdere peso , rilassa i muscolo ed i nervi che controllano il cuore.

Il viola è il rimedio per eccellenza per indurre il sonno profondo.

Non usare mai il colore viola con una lampada ultravioletta.  

Colore magenta

Il magenta è una combinazione di rosso e viola. Questo colore  è indicato come regolarizzatore della circolazione sanguigna e della pressione sanguigna ( sia alta e sia bassa ) , per i disturbi cardiaci e sessuali.